Tag archive

master of photography

Master of Photography: apprezzato talent show europeo dedicato all’universo della fotografia

Master of Photography, l’affermato e apprezzato talent show europeo dedicato all’universo della fotografia – in onda a partire dal 28 maggio alle ore 21.15 su Sky Arte e Sky Uno per la sua quarta edizione – si avvale della collaborazione di Canon, a livello europeo, in qualità di Digital Imaging Partner. Il programma, realizzato da Sky Arts Production Hub (nuovo polo europeo dedicato alla creazione di programmi sull’arte e di contenuti artistici culturali) va in onda contemporaneamente in 5 Paesi: Italia (sui canali 120 e 140), Regno Unito, Irlanda, Germania e Austria.
Una gara a colpi di immagini, una giuria molto esigente e una sfida in cui nessun dettaglio può essere trascurato. Gli otto fortunati concorrenti, selezionati tra fotografi professionisti e amatoriali, si sfidano per conquistare il titolo di miglior talento europeo della fotografia oltre a un premio in denaro di 100.000 euro. Uno dei premi più alti al mondo per un concorso fotografico.
Provenienti da diverse parti d’Europa, in poco tempo i concorrenti sono riusciti a trovare la sintonia perfetta con la tecnologia messa a disposizione, grazie a una serie di sessioni di approfondimento e formazione tecnica tenute da esperti Canon. Dopo alcuni giorni di preparazione gli sfidanti hanno messo a punto una tecnica di scatto unica e personale per aggiudicarsi il favore dei giudici.
Una delle novità di questa quarta edizione del programma è l’Ecosistema di Imaging Canon. Partendo delle soluzioni di scatto fino alle stampanti fotografiche professionali e ai supporti di stampa, i concorrenti possono contare su un flusso di lavoro dell’immagine integrato ed efficiente, che assicura la massima qualità in ogni passaggio del processo creativo.
Protagonista degli scatti fotografici è il nuovo Sistema Canon EOS R e l’omonima fotocamera mirrorless full-frame EOS R con il suo sensore da 30.3 megapixel e tecnologia Dual Pixel CMOS AF. Tra gli aspetti più apprezzati dai giovani in gara, la messa a fuoco automatica che si è confermata la più precisa e veloce mai testata e, in particolare, la capacità di messa a fuoco al buio, come ad esempio all’interno di una discoteca con pochissima luce artificiale. Il touch screen orientabile di Canon EOS R facilita lo scatto da diverse angolazioni, estremamente utile per mettere a fuoco rapidamente e con precisione. Anche il mirino elettronico rappresenta una caratteristica estremamente utile, per concentrarsi sul soggetto e ottenere un’anteprima in tempo reale dell’esposizione, evitando di interrompere la serie di scatto dovendo visualizzare le immagini sullo schermo della fotocamera.
La possibilità di ottenere una definizione di immagine senza precedenti è garantita anche dall’utilizzo delle nuove ottiche RF. La color science del sistema Canon, ovvero la capacità di garantire sempre grande fedeltà cromatica, permette di velocizzare i processi di editing in post-produzione, rendendo più immediato e coerente il lavoro del fotografo. Il tutto completato da una perfetta impugnatura e dall’ergonomia della macchina, assicurando comodità di utilizzo anche nelle circostanze più difficili.

Master of Photography: Canon Digital Imaging Partner

Nelle sfide di Master of Photography, la giuria richiede ai concorrenti di produrre gli scatti fotografici anche su carta, ed è proprio l’immagine stampata a supportare il confronto. I fotografi in gara devono impegnarsi nella selezione e nella post-produzione delle immagini da sottoporre ai giudici. Diventa dunque fondamentale riuscire a ricreare in forma stampata l’immagine che si ha in mente e per questo non è sufficiente un buon occhio critico: bisogna saper governare il flusso di stampa.
Canon Print Studio Pro è il plug-in per l’utilizzo delle stampanti Canon PIXMA PRO in grado di integrarsi con i più diffusi software professionali di editing – come il programma Adobe Lightroom utilizzato in Master of Photography e Digital Photo Professional di Canon. Grazie a questa soluzione si ottiene una comunicazione efficiente tra software e stampante.

Ai blocchi di partenza l’attesissima quarta edizione di Master of Photography

Ai blocchi di partenza l’attesissima quarta edizione di Master of Photography, il primo tv show europeo dedicato al mondo della fotografia a firma Sky Arte e di cui Canon è Digital Imaging Partner. Il programma andrà in onda a partire da martedì 28 maggio alle ore 21.15 su Sky Arte e Sky Uno, disponibile anche su Sky On Demand.
Master of Photography, l’affermato e apprezzato talent show europeo dedicato all’universo della fotografia – in onda a partire dal 28 maggio alle ore 21.15 su Sky Arte e Sky Uno per la sua quarta edizione – si avvale della collaborazione di Canon, a livello europeo, in qualità di Digital Imaging Partner.

Master of Photography: una gara a colpi di immagini

Una gara a colpi di immagini, una giuria molto esigente e una sfida in cui nessun dettaglio può essere trascurato. Gli otto fortunati concorrenti, selezionati tra fotografi professionisti e amatoriali, si sfidano per conquistare il titolo di miglior talento europeo della fotografia oltre a un premio in denaro di 100.000 euro. Uno dei premi più alti al mondo per un concorso fotografico.
Provenienti da diverse parti d’Europa, in poco tempo i concorrenti sono riusciti a trovare la sintonia perfetta con la tecnologia messa a disposizione, grazie a una serie di sessioni di approfondimento e formazione tecnica tenute da esperti Canon. Dopo alcuni giorni di preparazione gli sfidanti hanno messo a punto una tecnica di scatto unica e personale per aggiudicarsi il favore dei giudici.

Master of Photography: protagonista degli scatti fotografici è il nuovo Sistema Canon EOS R

Una delle novità di questa quarta edizione del programma è l’Ecosistema di Imaging Canon. Partendo delle soluzioni di scatto fino alle stampanti fotografiche professionali e ai supporti di stampa, i concorrenti possono contare su un flusso di lavoro dell’immagine integrato ed efficiente, che assicura la massima qualità in ogni passaggio del processo creativo. Protagonista degli scatti fotografici è il nuovo Sistema Canon EOS R e l’omonima fotocamera mirrorless full-frame EOS R con il suo sensore da 30.3 megapixel e tecnologia Dual Pixel CMOS AF. Tra gli aspetti più apprezzati dai giovani in gara, la messa a fuocoautomatica che si è confermata la più precisa e veloce mai testata e, in particolare, la capacità di messa a fuoco al buio, come ad esempio all’interno di una discoteca con pochissima luce artificiale. Utilizzando ISO molto elevati e la giusta combinazione EOS R e obiettivo RF, si raggiungono risultati inimmaginabili prima. Il touch screen orientabile di Canon EOS R facilita lo scatto da diverse angolazioni, estremamente utile per mettere a fuoco rapidamente e con precisione. Anche il mirino elettronico rappresenta una caratteristica estremamente utile, per concentrarsi sul soggetto e ottenere un’anteprima in tempo reale dell’esposizione, evitando di interrompere la serie di scatto dovendo visualizzare le immagini sullo schermo della fotocamera. La possibilità di ottenere una definizione di immagine senza precedenti è garantita anche dall’utilizzo delle nuove ottiche RF. La color science del sistema Canon, ovvero la capacità di garantire sempre grande fedeltà cromatica, permette di velocizzare i processi di editing in post-produzione, rendendo più immediato e coerente il lavoro del fotografo. Il tutto completato da una perfetta impugnatura e dall’ergonomia della macchina, assicurando comodità di utilizzo anche nelle circostanze più difficili. Nelle sfide di Master of Photography, la giuria richiede ai concorrenti di produrre gli scatti fotografici anche su carta, ed è proprio l’immagine stampata a supportare il confronto. I fotografi in gara devono impegnarsi nella selezione e nella post-produzione delle immagini da sottoporre ai giudici. Diventa dunque fondamentale riuscire a ricreare in forma stampata l’immagine che si ha in mente e per questo non è sufficiente un buon occhio critico: bisogna saper governare il flusso di stampa. Canon Print Studio Pro è il plug-in per l’utilizzo delle stampanti Canon PIXMA PRO in grado di integrarsi con i più diffusi software professionali di editing – come il  programma Adobe Lightroom utilizzato in Master of Photography e Digital Photo Professional di Canon. Grazie a questa soluzione si ottiene una comunicazione efficiente tra software e stampante. Inserendo le informazioni relative alla soluzione di stampa e ai profili di carta utilizzata, consente di riprodurre con la massima fedeltà quanto il fotografo vede a monitor, purché quest’ultimo sia stato precedentemente calibrato. Inoltre, è estremamente utile l’opzione soft-proofing, ovvero un’anteprima di stampa a monitor. Da ultimo, prima di procedere con la stampa dell’immagine selezionata si effettua un test di provinatura. Su un unico foglio si riproducono diverse versioni del medesimo scatto con alcuni parametri differenti (contrasto o viraggio dei colori), per individuare quale di queste rispecchi di più il risultato desiderato, evitando così di lavorare “per tentativi” e ottimizzando l’utilizzo dei supporti e degli inchiostri. Tutto questo assicura una perfetta analisi degli effetti che la luce avrà sull’immagine stampata, garantendo così la massima qualità di stampa. La carta utilizzata è la stessa per tutti i concorrenti: il modello Canon Pro Luster in formato A4 e A3. Un supporto che assicura colori vivaci e stampe fotografiche monocromatiche con neri intensi. Questa carta permette di ottenere tonalità e colori delle immagini fedeli a prescindere dalle condizioni di illuminazione. Enormi apprezzamenti sono arrivati dai concorrenti per la fedeltà del colore e la precisione del flusso di immagine. La stampa che può vedere il giudice, è esattamente quella che vede il concorrente Questo aspetto dà tranquillità, fiducia e consapevolezza a tutti ed è la caratteristica di gran lunga maggiormente apprezzata.

Master of Photography: Federica Belli, vent’anni, vincitrice del talent di Sky Arte

Magnets, 2017

Si è conclusa con la vittoria dell’italiana Federica Belli la terza stagione di Master of Photography, il primo talent show europeo dedicato al mondo della fotografia, aggiudicandosi il premio di 100.000 euro attribuiti dalla giuria composta da Oliviero Toscani, Mark Sealy ed Elisabeth Biondi.

Intervista a Federica Belli vincitrice di Master of Photography

Ci puoi raccontare come hai cominciato a scattare e quando ti sei avvicinata alla fotografia?
«È nato tutto quasi per caso, così come succede spesso con le passioni. Nonostante io sia molto giovane, fotografo ormai da quasi dieci anni. Avendo passato la mia infanzia in campagna posso dire di aver avuto molto tempo libero, che normalmente occupavo leggendo, scrivendo o suonando il pianoforte. Ero una bambina molto solitaria e curiosa. Forse per la prima volta nella mia vita, mi trovavo a casa da sola. I miei genitori avevano lasciato una compatta sul mobiletto nell’ingresso di casa, una di quelle a pile che erano così popolari in quegli anni. Inutile dire quanto quello strumentino sconosciuto fosse irresistibile ai miei occhi. La presi in mano e decisi di provarla nei campi intorno casa. Coricata tra fili d’erba e soffioni, mi sono trovata a divertirmi in un modo nuovo, a rilassarmi completamente. Dopo la scrittura e la musica, avevo finalmente trovato un linguaggio con il quale esprimermi completamente. Da allora non l’ho più abbandonato, tutti gli altri mezzi espressivi mi paiono incompleti. Si può quindi dire che io abbia iniziato a fotografare i piccoli dettagli naturali che circondavano la mia casa. Ero una bambina molto timida e guardare le persone negli occhi era completamente fuori dalla mia portata. Non appena ho imparato a gestire tecnicamente la macchina fotografica, ho provato a puntarla verso le persone intorno a me. Quella sensazione, il poter finalmente osservare lo sguardo e le movenze umane per la prima volta, non la dimenticherò mai. Attraverso il filtro dell’obiettivo mi sentivo più protetta, al sicuro. Finalmente potevo vedere dentro gli umani. Forse è per questo che fotografare mi fa sentire così libera. È stato il linguaggio che mi ha permesso di crescere, di superare la mia timidezza e diventare la persona che sono ora».

Cosa vuoi raccontare attraverso le tue fotografie?
«Ogni piccolo progetto spera di avere uno scopo diverso, sempre in evoluzione così come sono io. In realtà, riguardando le mie fotografie a posteriori, trovo sempre una sorta di malinconia. Forse cerco solo di esorcizzare quella lieve tristezza che è naturale nella vita, eppure così difficile da razionalizzare. Viene molto più semplice ripromettersi che sia possibile essere felici costantemente, quando  la bellezza della vita è proprio nell’incertezza. È questo che cerco di trasmettere attraverso le mie fotografie. Nella vita tendo a trovare il lato positivo e apprezzare ogni piccolo dettaglio, sono una sorta di Golden Retriever umano; la fotografia rappresenta quasi una mia seconda personalità. Spesso sento il bisogno di una valvola di sfogo, di liberare un lato nascosto di me. Di mostrare che c’è bellezza anche dove non si trova normalmente, nella solitudine e nella riflessione».

Se dovessi scegliere una sensazione che ti guida mentre scatti ?
«Credo sia l’empatia, il voler far capire ai miei soggetti che li capisco e che anche io sono umana, proprio come loro. Che anche io sono debole e che non ho paura di mostrarlo. Non appena ci accorgiamo di essere ritratti tendiamo a mostrarci sorridenti, nel nostro angolo migliore. Così insegnano i social. Quello che cerco, al contrario, è proprio quell’apertura che si manifesta solo nel silenzio. Passati alcuni minuti sento una sorta di noia nel soggetto che inevitabilmente lo porta a liberarsi delle proprie difese, di ogni filtro. allora che riesco a vedere davvero negli occhi delle persone, attraverso il filtro della macchina fotografica».

Raccontaci la tua esperienza a MOP .
«Ho seguito la prima stagione di Master of Photography  e quasi per scherzo avevo deciso che mi sarei iscritta alla seconda stagione. Quando è giunto il momento di farlo ho scoperto che le selezioni sarebbero state chiuse pochi giorni prima del mio diciottesimo compleanno, per cui non ho potuto iscrivermi. Forse è stato meglio così. Il caso vuole che io abbia ritrovato una pubblicità riguardo le iscrizioni per l’edizione successiva di Master of Photography . L’ho preso come un segno e ho deciso di tentare.
Quando ho saputo di essere stata presa è stato uno shock. Ero così felice e sorpresa da non riuscire a urlare, non avevo idea di cosa mi aspettasse. Chiaramente immaginavo soltanto ciò che era stato trasmesso in televisione: le esterne per fotografare e le puntate in studio. In realtà è stato bellissimo scoprire il mondo che c’è dietro. La vita insieme agli  altri concorrenti, l’ambiente di supporto e condivisione, la sensazione di essere in una famiglia. Tutta la produzione ci ha sostenuti e ha creduto in noi. Mi sono trovata nel posto giusto al momento giusto, ogni cosa è andata al suo posto in modo molto naturale, senza aspettative o pretese. Forse anche per questo l’ho vissuta così bene».

Quali sono i tuoi progetti futuri?
«I miei progetti futuri sono piuttosto indefiniti, sono felice che sia così. Il prossimo anno conto di finire la triennale di Economia, poi mi butterò nel mondo della fotografia al 100 % sperando che sia, almeno a livello personale, una soddisfazione. La fotografia mi permette di esprimermi a 360°. Il punto di arrivo sarebbe poterlo fare liberamente anche rispondendo a esigenze lavorative; non è assolutamente scontato. Non mi pongo dei limiti, ho ancora molto da scoprire in questo mondo. Devo dire che fino a ora non c’è stato alcun genere fotografico che non mi abbia affascinata una volta scoperto. Riducendo gli scatti al nocciolo, sono tutti molto simili nel messaggio che vogliono comunicare. Sono ritratti del mio modo di vivere ciò che mi circonda

 

Master of Photography: il talent show dedicato al mondo della fotografia

Master of Photography

Canon, in qualità di Digital Imaging Partner, ha annunciato la collaborazione con Master of Photography per l’attesissima quarta edizione del talent show dedicato al mondo della fotografia. Dopo tre anni di successi, tornano la creatività e i colori delle sfide di scatto firmate Sky Arte. Una grande realizzazione di Sky Arts Production Hub, il nuovo polo di produzione europeo dedicato ai programmi d’arte e contenuti artistici, che andrà in onda contemporaneamente in 5 Paesi: Italia (sui canali 120 e 140), Regno Unito, Irlanda, Germania e Austria.

Master of Photography: il talent show dedicato al mondo della fotografia

I concorrenti, provenienti da diverse parti d’Europa, avranno poche settimane per diventare tutt’uno con l’attrezzatura e sviluppare una tecnica di scatto unica e personale che colpisca i giudici. Per fare tutto questo potranno contare sull’intero Ecosistema di Imaging Canon, che li sosterrà lungo le puntate a partire dalle fasi di scatto fino alla stampa. Gli aspiranti al titolo di miglior fotografo avranno come principale alleato il rivoluzionario sistema fotografico Canon EOS R che permetterà loro di esprimere al massimo la propria creatività, rendendo possibile una connessione profonda con i soggetti inquadrati. La fotocamera Canon EOS R e i nuovi obiettivi RF, creati sulla base di trent’anni di innovazioni, offrono nuove frontiere alle funzionalità di scatto. Il sensore full-frame da 30.3 megapixel con Dual Pixel CMOS AF dalle incredibili prestazioni rende ad esempio possibile una messa a fuoco accurata e incredibilmente veloce anche in condizioni precedentemente impossibili (fino a -6EV). Per ogni grande fotografo è essenziale riuscire a trasmettere emozioni attraverso le proprie immagini; costruire storie che possano essere osservate, comprese e rivissute. Per questa ragione i concorrenti impareranno a rafforzare il potere delle proprie immagini attraverso la stampa fotografica professionale. Scopriranno come creare la perfetta corrispondenza cromatica fra lo schermo e l’immagine su carta grazie alla gamma di stampanti Canon Pixma Pro.  La collaborazione fra Canon e Master of Photography vede, in questa quarta edizione, una grande riconferma: per il secondo anno consecutivo la produzione del programma televisivo ha scelto di adottare le soluzioni di videoripresa Canon Cinema EOS per la realizzazione del progetto. Fra tutte le è stata scelta Canon EOS C300 Mark II, una soluzione potente e dotata di una flessibilità creativa che offre un’ampia gamma di opzioni di ripresa. Il tutto completato da ottiche Canon zoom cinematografiche e lenti fotografiche EF professionali. Ogni troupe di ripresa può contare su un ampio e diversificato parco ottiche: a partire da CN-E 17-120mm T2.95 e CN-E 30-300mm T2.95-3.7, obiettivi cinematografici dalla qualità elevata in qualsiasi modalità di ripresa, fino alle ottiche fotografiche EF 16-35mm f/2.8L III USM, EF 70-200mm f/2.8L III IS USM, EF 24-70mm f/2.8L II USM, EF 24-105mm f/4L IS II USM.
Per noi questo 2019 prende inizio con una nuova testimonianza dell’impegno di Canon verso tutti coloro che, ogni giorno e in ogni parte d’Europa, sono accomunati dalla grande passione per la fotografia. Master of Photography rappresenta un’occasione per fotografi professionisti e amatoriali di vivere una avventura straordinaria, di entrare in contatto e confrontarsi con un ampio numero di fotografi di fama internazionale, in parte annoverati tra gli Ambassador europei di Canon.” afferma Massimiliano Ceravolo, Director Professional Imaging Group & Marketing Director Imaging Tecnologies & Communications Group Canon Italia. “Siamo particolarmente fieri di vedere il nostro imaging Ecosystem al fianco dei concorrenti, che avranno la possibilità di recepire dal contesto professionale di Sky e BArts il valore delle tecnologie Canon impiegate nella produzione di questo talent. Il sistema EOS R, le soluzioni Canon Cinema EOS, gli obiettivi e le stampanti PIXMA PRO costituiscono, ciascuna per la sua categoria, tecnologie di riferimento per appassionati e professionisti per innovazione, precisione e qualità d’immagine. L’imaging Ecosystem di Canon offrirà ai concorrenti un valore di continuità, dallo scatto alla stampa, nella consistenza trasversale della gestione cromatica delle immagini garantendo così un risultato eccellente degli scatti che saranno al centro della competizione. Siamo altresì fieri che sia Canon Italia a guidare l’ingresso di Canon Europa nel contesto internazionale di Master of Photography, certi che questa collaborazione influenzerà positivamente gli sviluppi e i futuri rapporti tra Canon, Sky e BArts per nuove produzioni

MASTER OF PHOTOGRAPHY: al via le iscrizioni per la nuova stagione del talent show dedicato alla fotografia

Al via le iscrizioni per la nuova stagione del primo talent show europeo dedicato alla fotografia 

Dopo lo straordinario successo conseguito delle prime tre edizioni, Sky Arte annuncia la quarta edizione di MASTER OF PHOTOGRAPHY, primo talent show europeo dedicato al mondo della fotografia e in onda su Sky Arte (canali 120 e 400) in contemporanea in 5 Paesi (Italia, Regno Unito, Irlanda, Germania e Austria).
Dal 23 ottobre, fino al 25 novembre, infatti, gli aspiranti artisti dell’obiettivo potranno sottoporre la propria candidatura per essere ammessi alla quarta edizione del programma, attesa nel 2019, attraverso il sito www.masterofphotography.tvI concorrenti selezionati, tra fotografi professionisti e amatoriali, avranno la possibilità di dimostrare le proprie competenze artistiche e tecniche attraverso una serie di sfide ambientate di volta in volta in diverse location europee e supportati dal confronto con i più grandi fotografi del mondo e giudicati da maestri di fama internazionale. Il vincitore si aggiudicherà il premio da 100.000 euro e il titolo di miglior talento europeo della fotografia. Master of Photography è una realizzazione di Sky Arts Production Hub, il nuovo polo di produzione europeo dedicato alla creazione di programmi sull’arte e di contenuti artistici culturali rivolti ai 23 milioni di abbonati in Italia, Germania, Austria, Irlanda e Regno Unito.

La quarta edizione del programma andrà in onda nel 2019.

A Master of photography vince Federica Belli con una photostory sull'immigrazione

A Master of photography vince Federica Belli

Master of Photography, il talent dedicato alla fotografia in onda su Sky Arte Hd si è concluso ieri e la vincitrice è Federica Belli; la diciannovenne di Millesimo, un paese di 3mila abitanti in provincia di Savona, ha sconfitto gli altri nove concorrenti provenienti da tutta Europa convincendo la giuria formata da Oliviero Toscani, dalla photo editor tedesca Elisabeth Biondi, dal curatore e storico della fotografia Mark Sealy.
Il tema dell’ultima puntata era l’immigrazione e in particolare come si trovano e cosa fanno gli immigrati in Italia; Federica, per raccontare l’immigrazione ha seguito 
Youssif, un ragazzo senegalese musicista, durante una giornata con la sua band.

Federica dice di essere davvero interessata alla fotografia ma di sapere che non bastano delle immagini belle per essere un fotografo: la cosa più importante è scavare dentro se stessi e riuscire a comunicare con le persone. 

La vincitrice ha iniziato ad appassionarsi al mondo della fotografia dopo aver trovato una compatta in casa: nasce una passione che la porta a immergersi nel mondo della fotografia da autodidatta a dieci anni, leggendo il libretto delle istruzioni della macchina fotografica. 

Adesso Federica è impegnata con Oliviero Toscani in uno stage di Fabrica, il laboratorio culturale di Benetton.

Oliviero Toscani: “la fotografia sconfigge le fake news”

“La fotografia ha permesso di documentare la storia. Oggi finalmente c’è la consapevolezza delle fake news, anche se ci sono sempre state. Mi sarebbe piaciuto ci fosse una macchina fotografica a documentare le imprese di Garibaldi o a vedere Gesù mentre camminava sulle acque“. Parola di Oliviero Toscani che durante la conferenza stampa per la presentazione della seconda edizione del talent show Master of Photography 2017, come sua consuetudine, non ha certo risparmiato le caustiche frecciate. Il talent interamente incentrato sul mondo della fotografia andrà in onda su Sky Arte HD dal 25 maggio alle 21.15 in contemporanea in Italia, Gran Bretagna, Irlanda, Germania e Austria per otto settimane.

Oliviero torna anche in questa edizione in veste di giudice, insieme a Caroline Hunter, picture editor del Guardian Weekend Magazine, e Darcy Padilla, pluripremiata fotoreporter statunitense. In gara, per i 150 mila euro in palio, 12 concorrenti professionisti e debuttanti da sette Paesi dei quali tre italiani. Tra i “concorrenti” c’è anche un vincitore del World Press Photo. Intere temi delle divssanti e sicuramente stimolanti i temi delle puntate: la Sicilia, Amburgo, il ritratto di un divo, l’immagine erotica, gli atleti parolimpici, lo Street style, un viaggio nelle proprie origini e nelle comunità etniche.

“Oggi la fotografia è l’arte più importante, perché è la più attuale e accessibile, tutti abbiamo un cellulare in tasca e tutto può essere documentato – incalza Toscani. Ormai la censura è impossibile, non sono più gli altri a decidere quello che io devo vedere nel mondo e io voglio vedere tutto. È positiva quindi l’onnipresenza di fotografie sul web: è come nel mangiare il junk food ti fa apprezzare di più il cibo buono. Viva, quindi sotto questo aspetto i social network, che però quando sono una dipendenza, ti rincretiniscono, diventano una sorta di campo di concentramento intellettuale a cui tutti sono felici di appartenere”.

[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’Oliviero Toscani’ unit=’list’]

0 0,00
Go to Top