5 Ottobre 2021 di Redazione Redazione

Il professionista Gary Nunn ci svela alcuni trucchi della fotografia di matrimonio. Un genere fotografico che richiede grande preparazione e serietà per poter immortale il “giorno più bello” della vita di due persone!

Fotografia di matrimonio #2 La cerimonia

Dallo scambio degli anelli al primo bacio, dal lancio del riso fino alle pose di gruppo, ecco gli scatti che non possiamo mancare…

1 – Il lancio del riso

Iniziamo a scegliere il punto migliore dal quale catturare questo momento nell’attimo stesso in cui mettiamo piede sul luogo della cerimonia. Chiediamo dove il lancio di riso o coriandoli è permesso.

Appena gli ospiti cominciano a lasciare la cerimonia, corriamo nel punto che abbiamo individuato, dividiamo le persone in due file laterali e facciamo passare la coppia nel mezzo. Impostiamo la messa a fuoco continua, blocchiamo il punto AF sui visi degli sposi e camminiamo all’indietro mentre la coppia avanza verso di noi.

2 – Sbatti le ciglia e hai perso l’attimo!

Impostiamo la modalità di scatto continuo ad alta velocità sia per la cerimonia sia per gli scatti di gruppo, in modo che la fotocamera catturi una raffica di inquadrature in rapidissima successione finché non togliamo il dito dal pulsante.

Potrà sembrarci un po’ strano adottare lo scatto continuo per immagini statiche o posate, ma se non altro così avremo più possibilità di ottenere almeno un’immagine senza qualcuno con gli occhi chiusi o un’espressione strana!

3 – Gestire la luce scarsa nella fotografia di matrimonio

Scattare a diaframma spalancato significa impostare il numero f/ più basso disponibile, in genere f/1.2 o f/2.8, per lasciar entrare quanta più luce possibile. In genere è necessario quando la luce è scarsa, come può capitare in chiesa o in altri ambienti interni. Se possiamo, cerchiamo di evitare il flash per non distruggere l’atmosfera, senza contare che non è sempre permesso.

I sensori delle reflex più recenti sono così efficaci nella riduzione del rumore che oggi possiamo scattare anche con ISO ben superiori a 1.000. Con sensibilità così alte possiamo ottenere tempi rapidi ed evitare il rischio di mosso allo scatto.

4 Arruoliamo il testimone

Radunare e organizzare le persone può essere uno dei compiti più difficili. Se ci serve assistenza, facciamoci dare una mano da uno dei testimoni dello sposo. Affidiamogli una lista e spediamolo a recuperarci gli ospiti nell’ordine giusto. Ci risparmierà un sacco di grattacapi e, dopo tutto, lui deve meritarsi l’onore!

5 – Studiamo le regole

Appena possibile, prima dell’evento, scambiamo due chiacchiere con il sacerdote o il pubblico ufficiale incaricati di officiare la cerimonia. Ogni luogo ha le sue regole, che definiscono cose come i punti dove possiamo metterci o i momenti in cui non siamo autorizzati a fotografare. Cerchiamo di essere il più educati e gentili possibile. Sarà più facile che ci lascino mano libera!

Per la prima parte della cerimonia, scegliamo un punto dal quale possiamo vedere la sposa con chiarezza, poi spostiamoci solo se assolutamente necessario.

 

Leggi anche
Tutti i segreti della fotografia di matrimonio #1
Tutti i segreti della fotografia di matrimonio #3

Lascia un commento