5 Giugno 2021 di Redazione Redazione

Per la rubrica dedicata alle foto dei lettori, oggi vi proponiamo il portfolio di Marco Guidi: Adriatico. Once Upon a Time.

Racconta l’autore: «Questo lavoro è un progetto sulla riviera adriatica slegato da qualsiasi concezione o indicazione temporale. Grazie alle possibilità espressive dei toni del grigio, le fotografie potrebbero essere state scattate negli anni Cinquanta del Novecento così come nell’anno corrente, ma l’esito visivo rimarrebbe lo stesso».

foto dei lettori

© Marco Guidi

«Le immagini, costruite secondo segni propri di una certa tradizione iconografica, cercano di ricostruire atmosfere vintage, volte a essere identificate come delle foto ricordo in cui il concetto di spazio e tempo viene dilatato in modo surreale. Un déjà vu onirico, che visivamente si riferisce a un’estetica ben precisa, già vista e raccontata dalla storia della fotografia. Tutto questo si fonde con il paesaggio della tradizione balneare romagnola ed è la coniugazione poetica di un metaricordo».

Foto dei lettori: l’“album fotografico” di Marco Guidi

L’immaginario visivo della riviera romagnola è fortemente legato al turismo balneare che dagli anni del boom economico caratterizza l’economia e il paesaggio locali. Tra gli elementi che compongono questo immaginario, l’architettura e il design giocano un ruolo importantissimo. Ancora oggi le piccole pensioni alberghiere, insieme alle strutture balneari temporanee e ai loro arredi (le cabine, le tende da sole, le sedie a sdraio, la TV, i pedalò e tutto il sistema delle spiagge), disegnano un ambiente iconico che riporta alla mente la stagione più ricca e scanzonata del turismo italiano.

Proprio su questo scenario Marco Guidi costruisce una sequenza di immagini piena di rimandi visivi, simulando un ricordo sbiadito nel tempo. Le sue fotografie mettono a punto un vero e proprio «falso d’autore», un progetto che imita, nei contenuti e nell’estetica, le immagini vintage di un vecchio album fotografico conservato da qualcuno dopo una vacanza in riviera negli anni Cinquanta.

foto dei lettori

© Marco Guidi

Il risultato è una sequenza narrativa fresca e dinamica, che pone in scena soggetti e scenari dal grande valore espressivo. Dal punto di vista della narrazione, l’autore sembra comporre la sequenza di un fotoromanzo – racconto per immagini in voga negli anni Cinquanta, costituito da fotografie scattate su un set simile a quello cinematografico –, in cui i gesti, le pose e le ambientazioni dei soggetti assumono un’importanza fondamentale.

a cura di Michela Frontino

Se vuoi condividere le tue immagini con la redazione, iscriviti gratuitamente qui.

Lascia un commento