17 Giugno 2021 di Redazione Redazione

Fotografare in manuale può essere una vera sfida! Ma ci può regalare grandi soddisfazioni e farci diventare fotografi migliori. Seguiteci in questa nuova rubrica. E la fotografia in manuale con la vostra Nikon non avrà più segreti!

Fotografare in manuale #4

Flash manuale

“Manuale” è un termine che spaventa i principianti, eppure i controlli manuali non devono per forza complicarci la vita. In realtà, in alcuni casi possono semplificarcela. La fotografia con flash è un esempio perfetto. Quando usiamo uno Speedlight in modalità Auto o TTL, infatti, non è facilissimo capire cosa stia facendo. E quindi è più complicato risolvere eventuali problemi.

All’opposto, il flash in modalità manuale è banalmente semplicissimo. Impostiamo l’intensità della luce e proviamo lo scatto.

Controllare la potenza

Ci sono diversi modi per controllare l’intensità del lampo di un flash. Il primo è l’impostazione diretta, che su uno Speedlight va in genere dalla piena potenza, 1/1, fino a 1/128. Con un’unità da studio, invece, è possibile trovare un singolo numero intero, che indica l’intensità della luce in stop. In entrambi i casi, il concetto è lo stesso. Un output più alto corrisponde a più luce, che a sua volta permette di accedere a tempi più veloci, ISO più bassi o diaframmi più chiusi.

manuale

Oltre all’impostazione diretta, se separiamo il flash dal corpo macchina possiamo controllare l’intensità della luce anche avvicinando o allontanando la testa dal soggetto. La differenza può essere enorme. Dimezzare la distanza quadruplica la potenza! Infine, ci sono i diversi tipi di modificatori, che influenzano anche l’intensità della luce diffondendola o indebolendola.

Flash ed esposizione

Uno dei più grandi ostacoli nella fotografia con flash non è la gestione del lampo in sé, che è davvero piuttosto semplice. È capire come funzioni in relazione all’esposizione. Quando aggiungiamo il flash, infatti, andiamo di fatto a sommare due diverse esposizioni. La prima è quella del flash, la seconda è quella della luce ambientale. L’immagine finale è il risultato della combinazione delle due.

Molto spesso, è più comodo calcolare un’esposizione manuale prima di attivare il flash, poi accenderlo e provare diverse impostazioni manuali per vedere che effetto hanno sulla scena.

Fotografia manuale e illuminazione armoniosa

Lavorando sull’intensità del flash, è possibile alterare il rapporto tra esposizione artificiale ed esposizione ambientale. Possiamo fare sì che il flash lavori in armonia con la luce ambientale, usarlo solo per alleggerire delicatamente le ombre oppure dominare la luce della scena e plasmare la nostra illuminazione. Con i controlli manuali, ottenere l’equilibrio che vogliamo è molto più semplice di quanto non sia con esposizione TTL e successive compensazioni.

Tentativi ed errori

Arrivare alla potenza ideale richiede sempre la realizzazione di qualche scatto di prova, ma se abbiamo il tempo di qualche tentativo questo metodo ci assicura la sicurezza di mantenere un’esposizione costante per tutta la sessione (almeno finché non cambiano le condizioni di luce). Dedichiamo un po’ più di tempo all’esposizione all’inizio, per poi risparmiarne molto dopo!

 

Leggi anche
Fotografare in manuale #1
Fotografare in manuale #2
Fotografare in manuale #3

Lascia un commento