27 Novembre 2021 di Elisabetta Agrati Elisabetta Agrati

Rough, Tough and Mystic è la mostra personale di Irene Kung ospitata fino al 22 gennaio 2022 da Alessia Paladini Gallery a Milano. Quindici opere inedite che ci permettono di viaggiare tra i paesaggi incontaminati del Tibet e dello Yunnan, dove la presenza dell’uomo è appena percettibile.

Irene Kung
© Irene Kung, Tradruk Monastery. The Wait, 2021 – Courtesy Alessia Paladini Gallery

Un viaggio negli spazi inconsci dell’anima

Silenzio, introspezione, misticismo: è ciò che emerge dalle immagini di Irene Kung. Come le figure umane ritratte dall’artista, anche noi siamo chiamati a contemplare i maestosi paesaggi tibetani. A lasciarci sorprendere dalla potenza e dalla bellezza della natura. E, allo stesso tempo, a riflettere sulla negligenza umana, sulla nostra smania di urbanizzare tutto ciò che ci circonda.

Irene Kung
© Irene Kung, Sera Monastery. Wild Roses Monastery, 2021 – Courtesy Alessia Paladini Gallery

Facendo emergere in modo preponderante il colore, protagonista assoluto, Irene Kung dà vita a immagini potenti e rasserenanti allo stesso tempo. L’essenzialità delle inquadrature e la capacità di far emergere i suoi soggetti dallo sfondo esprimono una vicinanza stilistica e concettuale al Rinascimento pittorico italiano.

I suoi lavori evidenziano il desiderio razionale di individuare nuove strade possibili per un futuro sostenibile e la rinnovata attenzione all’equilibrio tra umano e naturale.

Spiega l’artista: «Descrivere la sofferenza attraverso una rappresentazione raffinata e onirica è un tentativo di generare un nuovo significato a partire dalle percezioni di un’esperienza emotiva, è un’astrazione che mi conduce dalle zone più in ombra alla dimensione meditativa, fino agli spazi inconsci dell’anima».

Irene Kung

Vive e lavora in Svizzera. Il suo lavoro è stato pubblicato su testate nazionali e internazionali come AD, The Sunday Times, The Economist, The Telegraph, The New York Times Magazine, Il Sole 24 Ore, Corriere della Sera, Le Figaro.

Nel 2015 è stata invitata dal comitato organizzativo di EXPO a partecipare con una mostra di fotografie di alberi da frutto al “Cluster della Frutta e Verdura”. Ha pubblicato i libri Le città invisibili (2012), accompagnato dai testi di Francine Prose e di Ludovico Pratesi, e Trees (2014). Ha esposto in diverse mostre personali e collettive.

Info

La mostra è allestita presso Alessia Paladini Gallery a Milano (Via Pietro Maroncelli 11) fino al 22 gennaio 2022.

Orari: da martedì a venerdì ore 11-14; sabato ore 12-19. Ingresso libero.

www.alessiapaladinigallery.it

Lascia un commento