Scopriamo come correggere l’esposimetro e come eseguire una lettura Spot per stabilire la corretta esposizione.

2 Dicembre 2021 di Redazione Redazione

Diaframma, tempo di posa e ISO sono le pietre portanti dell’esposizione, ma non sono nulla senza un esposimetro a unirli… Ecco tutto quello che devi sapere.

Correggiamo l’esposimetro

Se un’immagine ci sembra troppo chiara o troppo scura, possiamo compensare l’esposizione per correggere gli scatti successivi. I comandi relativi si trovano nel menu principale o sullo schermo di controllo, ma alcune fotocamere offrono anche comandi esterni. Cerchiamo il pulsante etichettato “+/-” e ruotiamo la ghiera a destra o a sinistra. 

Come guida per capire quanto stiamo compensando, usiamo la scala dell’esposizione che vediamo nel mirino o sullo schermo posteriore. Ricordiamo di riportare la compensazione sempre a 0 quando abbiamo finito, per prevenire errori nelle immagini successive.

esposimetro

1 – EV (Exposure Value)

Ogni tacca più grande della scala indica uno stop intero (o EV). Partiamo da incrementi minimi: spesso non serve andare oltre un paio di stop.

2 – Incrementi

Per un controllo più preciso, possiamo impostare la fotocamera perché applichi la compensazione in 1/2 o 1/3 di stop.

3 – Indicatore

Quando l’indicatore si trova al centro della scala, significa che l’esposizione corrisponde a quella ritenuta corretta secondo la lettura esposimetrica.

4 – Compensazione

Quando spostiamo l’indicatore verso il lato “+” della scala, rendiamo l’immagine più luminosa. Se andiamo verso il lato “-”, sottoesponiamo rispetto alla lettura.

Come si esegue una lettura

Prima di realizzare lo scatto, possiamo eseguire la lettura dell’intera scena in modalità Pattern. Ma se il soggetto è piccolo nell’inquadratura è più sicuro ricorrere a una lettura Spot direttamente sul soggetto (o su un’area alternativa) e bloccare le impostazioni derivate da questa misurazione.

Teniamo sempre a mente che si tratta di una lettura della luce riflessa e che qualsiasi punto su cui basiamo la lettura Spot sarà reso come un tono medio nell’immagine, a meno di non procedere poi ad applicare una compensazione.

esposimetro

Soggetti di tono medio

Eseguiamo la lettura su una porzione illuminata del soggetto.

Dettaglio delle luci

Compensare da -1/3 a -2/3 di EV può aiutare a conservare il dettaglio nei punti di luce più alta quando riprendiamo soggetti di tono medio o scuro.

Soggetti scuri

Eseguiamo la lettura su una parte di soggetto di cui vogliamo trattenere il dettaglio, poi compensiamo da -1 a -2 EV. Oppure… Eseguiamo la lettura su un tono medio esposto alla stessa luce del soggetto.

Soggetti bianchi

Puntiamo la lettura su una parte del soggetto che vogliamo bianca e luminosa ma non priva di dettaglio e compensiamo di circa +2 EV. Oppure… Eseguiamo la lettura su un punto di tono medio nella stessa luce che illumina il soggetto. In pieno sole, sottoesponiamo un minimo per salvare il dettaglio del soggetto bianco.

Leggi anche
Esposimetro, come funziona? Tutto quello che devi sapere #1
Esposimetro, come funziona? Tutto quello che devi sapere #2
Esposimetro, come funziona? Tutto quello che devi sapere #3

Lascia un commento