Compiti a casa

Compiti a casa: 1#Ritratti in esterni

Quelle che stiamo vivendo, sono settimane dure per tutti. L’emergenza Covid-19 sta rivoluzionando le nostre vite in un modo profondo quanto inaspettato, tanto da rendere impossibili oggi cose che nella “normalità” diamo per scontate e probabilmente ci vorranno mesi prima che il mondo torni “come prima”.  Nel frattempo, però, teniamo vive le nostre passioni: possono darci un po’ di conforto laddove la realtà appare (ed è) così difficile – per andare avanti, nonostante tutto, e, perché no, per riempire le lunghe giornate tra le mura di casa affrontandole in modo creativo. Ecco quindi qualche consiglio su come trasformare il nostro appartamento in un “set” per divertenti progetti che potranno coinvolgere anche chi vive questi momenti con noi: dal ritratto allo still-life, ce n’è davvero per tutti i gusti!

1#Ritratti in esterni

Per essere ben realizzato, un ritratto richiede i soliti ingredienti: un soggetto illuminato da una bella luce, una buona composizione, un’esposizione corretta e, naturalmente, una Nikon! Visto che non possiamo allontanarci da casa, cosa c’è di più semplice che fotografare chi ci sta vicino? Lo avremo già fatto chissà quante volte, ma ora abbiamo tutto il tempo che ci serve per fare le cose per bene – anche quello necessario a convincere i familiari più cocciuti a posare per noi!

Tutti sul balcone

Tutti sul balcone

Chi teme di non riuscire a ottenere buoni risultati perché non  ha uno studio attrezzato, si deve ricredere. Alcuni dei ritratti più famosi sono realizzati con la luce naturale. Certo, il modo migliore per sfruttarla è quello di uscire di casa… Se però abbiamo la fortuna di avere un terrazzo, un balcone o un piccolo giardino saremo liberi di sfruttarli anche in queste settimane di lockdown. Potrebbe essere un modo divertente per far svagare i più piccoli in maniera originale e creativa. Uno degli errori più comuni è pensare che il sole in faccia sia una buona cosa per i ritratti. La luce diretta, specie a mezzogiorno quando il sole è alto, crea invece ombre profonde e nette che non donano affatto a un ritratto. Se è una bella giornata, quindi, cerchiamo un po’ d’ombra. Va benissimo quella prodotta dall’edificio, da un comune ombrellone o da un diffusore. Se la pavimentazione del balcone o del terrazzo è chiara, i soggetti saranno illuminati da luce riflessa “multidirezionale”, capace di creare luci alte morbide e ombre piacevoli per un ritratto. Anche nelle giornate coperte ci sono comunque le ombre, quindi osserviamo i soggetti e facciamoli girare finché troviamo l’angolazione della luce che dona loro di più. In genere, stanno molto bene sia una luce laterale, che dà profondità ai volti, sia una luce frontale, che risulta più omogenea.

In posa

IN POSA

È relativamente facile mettere in posa adulti e bambini grandicelli: diciamo loro dove stare in piedi o dove sedersi e fondamentalmente ci siamo. Se in gruppo, non insistiamo troppo sulle pose: controlliamo solo che tutti appaiano naturali e rilassati. Qualora i soggetti fossero troppo “rigidi”, proviamo a dire loro che abbiamo bisogno di un momento per cambiare alcune impostazioni e guardiamo cosa fanno. Ci sono buone chance che si rilassino, si infilino le mani in tasca e in generale appaiano un po’ più spontanei. Prima di sollevare di nuovo la fotocamera, chiediamo di rimanere come sono. In breve, si rilasseranno davvero. I bambini piccoli sono un’altra questione. I bebè possono essere appoggiati in un punto sicuro e in genere rimangono relativamente fermi, ma tenere fermo sul posto un bambino che ha appena imparato a gattonare o camminare in genere è molto più difficile! Può aiutare un giocattolo preferito, ma di tanto in tanto dovremo chiamarli per farli guardare verso di noi.

L’esposizione

In linea di massima, è consigliabile scattare in manuale o a priorità di diaframma, per avere controllo sulla profondità di campo. Un’apertura di f/5.6 è l’ideale per ritrarre un singolo individuo o un gruppo di persone che sono alla stessa distanza dalla fotocamera: il soggetto sarà nitido e lo sfondo sfocato. Ricordiamo di mettere a fuoco sugli occhi, o sui visi (a seconda delle dimensioni nell’inquadratura). Fotografare persone sistemate a distanze diverse dalla nostra Nikon richiede invece un diaframma più chiuso, intorno a f/8 o f/11, per tenere tutti a fuoco. Controlliamo che il tempo di esposizione non si allunghi oltre 1/60 di secondo, per congelare eventuali piccoli movimenti. Con bimbi che non stanno mai fermi avremo bisogno di tempi un po’ più veloci! Per quanto riguarda il bilanciamento del bianco, è probabile che in esterni i sistemi AWB della nostra Nikon facciano un buon lavoro, ma visto che non abbiamo fretta, scattiamo in RAW per provvedere poi all’eventuale correzione dei bianchi in post-produzione.

Per scoprire subito tutti gli altri progetti creativi, acquista N-Photography #98, da domani in edicola, o scarica la versione digitale cliccando qui. In alternativa, continua a seguirci sul nostro sito e sui nostri canali social!


Latest from Iniziative

0 0,00
Go to Top