Sabato 22 ottobre, il Museo di Fotografia Contemporanea riprende l’attività espositiva con due mostre e momenti di approfondimento.

13 Ottobre 2022 di Elisabetta Agrati Elisabetta Agrati

Sabato 22 ottobre 2022, dopo un periodo di chiusura, il Museo di Fotografia Contemporanea – MuFoCo riprende l’attività espositiva. La giornata prevede l’inaugurazione di due mostre presso la sede di Villa Ghirlanda a Milano-Cinisello Balsamo e un momento di discussione sull’evoluzione della fotografia voluto dal nuovo presidente, il poeta Davide Rondoni.

Due mostre al Museo di Fotografia Contemporanea

Fino al 29 gennaio 2023 il Museo di Fotografia Contemporanea ospiterà, dunque, una mostra dedicata al paesaggio, tema ampiamente rappresentato nelle collezioni del museo da opere dei grandi maestri della fotografia italiana ed europea. Intitolata Paesaggio dopo Paesaggio, a cura di Matteo Balduzzi, riunisce le fotografie di Andrea Botto, Claudio Gobbi, Stefano Graziani, Giovanni Hänninen, Sabrina Ragucci e Filippo Romano.

Filippo Romano, Statale 10, Messina 1968. Le fotografie in mostra costituiscono una selezione del grande archivio che l’autore ha costruito nel corso di una lunga ricerca, avviata nel 2007 e ancora in corso, sul paesaggio calabrese, luogo di origine della sua famiglia. La statale 106, “una periferia lunga 500 km”, diventa paradigma delle risorse e delle contraddizioni del paesaggio italiano.

Oltre cento opere che testimoniano come gli autori, nati tra la metà degli anni Sessanta e Settanta, si siano formati in continuità con la tradizione della fotografia italiana di paesaggio. Ma ne abbiano poi esplorato pratiche e linguaggi osservando l’evoluzione del contesto internazionale.

I progetti, acquisiti nel 2021 grazie al bando Strategia Fotografia promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea (DGCC) del MIC, vengono ora per la prima volta esposti al pubblico.

La seconda proposta, Biomega Multiverso di Cosimo Veneziano, a cura di Lisa Parola, è aperta fino al 27 novembre 2022. L’installazione, composta da serigrafie e ricami su tessuto, è l’esito di un articolato progetto transdisciplinare che l’artista Cosimo Veneziano ha avviato nel 2016 e che, partendo dall’uso delle biotecnologie in ambito agroalimentare, riflette su tematiche centrali della contemporaneità quali il rapporto tra arte e natura e, più specificamente, tra coltivazione, globalizzazione, consumo, marketing e immagine.

Biomega Multiverso di Cosimo Veneziano © MuFoCo

La giornata inaugurale

Nel corso della giornata inaugurale di sabato 22 ottobre, accanto all’apertura delle mostre (ore 15) sono previste due tavole rotonde di approfondimento. La prima, alle ore 15, vedrà i sei autori della mostra Paesaggio dopo Paesaggio raccontarsi e riflettere sulle prospettive e sull’eredità della fotografia italiana, in dialogo con il curatore della mostra Matteo Balduzzi.

Seguirà alle ore 16.30 un momento di discussione su alcuni dei temi centrali del progetto Biomega Multiverso, cui partecipano l’autore Cosimo Veneziano, la curatrice Lisa Parola e il filosofo Davide Dal Sasso.

Alle ore 18, la Sala degli Specchi ospiterà i saluti istituzionali, un omaggio a Giovanni Gastel poeta e un dialogo tra Massimo Vitali e Francesco Jodice con Maria Vittoria Baravelli dal titolo Chi è oggi l’autore della fotografia?

È consigliata la prenotazione: servizioeducativo@mufoco.org

Info

Museo di Fotografia Contemporanea
Villa Ghirlanda, Via Frova 10, Cinisello Balsamo, Milano

Orari: mercoledì, giovedì, venerdì ore 16-19; sabato e domenica ore 10-19. Ingresso libero.

www.mufoco.org

Lascia un commento

qui