Scopriamo perché nella fotografia in bianco e nero è meglio utilizzare i filtri che lavorare in fase di editing.

5 Novembre 2021 di Redazione Redazione

Scattare in bianco e nero oggi è una scelta creativa che si riallaccia alla tradizione ma, allo stesso tempo, sa essere contemporanea e innovativa. Ecco trucchi, tecniche e attrezzature per realizzare scatti perfetti.

Bianco e nero: i filtri

Usare i filtri per scattare in bianco e nero può apparire una pratica un po’ “datata”. E in un certo senso non è del tutto falso. Finché abbiamo un originale a colori (in RAW o in JPEG), possiamo infatti replicare gli effetti dei filtri colorati in Lightroom o in Photoshop.

Ci sono però due filtri tradizionali (polarizzatori e ND) che sono molto difficili da simulare. È più comodo usarli davvero al momento dello scatto.

Il polarizzatore

bianco e nero

Aiuta a scurire i cieli azzurri e rimuove i riflessi dalle superfici non metalliche, come l’acqua. Può dare più spinta al contrasto generale dell’immagine. Ha l’effetto collaterale di tagliare 1 o 2 stop di esposizione e così permette anche di impostare tempi più lenti.

A confronto

bianco e nero

Questa è l’immagine originale a colori. Così possiamo vedere come ogni colore, dal rosso/marrone della mucca scozzese all’azzurro del cielo ai verdi del prato, reagisce all’applicazione di ognuno dei tre filtri.

bianco e nero

Filtro rosso
Il rosso schiarisce i toni della mucca, ma scurisce l’azzurro del cielo e aggiunge un minimo di contrasto al verde/giallo del primo piano. È un filtro sempre utile per introdurre più contrasto nei paesaggi.

bianco e nero

Filtro verde
Qui sono schiariti i toni dell’erba e del prato. Ma ci sono pochi effetti sul cielo e sulla mucca. In genere questo filtro è ottimo per schiarire il fogliame o per scurire e aggiungere contrasto ai toni dell’incarnato nei ritratti.

bianco e nero

Filtro blu
Qui la mucca è quasi nera, mentre il cielo è molto più chiaro. Questo non è un filtro usato spesso per il bianco e nero, ma può essere utile per enfatizzare l’atmosfera quando scattiamo con nebbia o foschia.

Un bianco e nero da maestro

La creazione di immagini minimaliste impone di ridurre il numero di elementi nella composizione e di usare specifiche impostazioni di scatto.

bianco e nero
Foto di Chris Rutter

Per sfumare il dettaglio dell’acqua è stato montato un filtro a densità neutra da 3 stop. Ha permesso di impostare un tempo più lento per sfocare il movimento delle piccole onde e così ha reso il primo piano fluido e morbido, privo di distrazioni. L’atmosfera è stata poi accentuata con un filtro graduato a densità neutra da 2 stop, che ha scurito selettivamente il cielo.

Leggi anche
Bianco e nero: i trucchi per foto perfette #1
Bianco e nero: i trucchi per foto perfette #2

Lascia un commento