index G

Spazi Fotografici presenta Index G, il silenzio dell’assenza

Mercoledì 28 aprile, alle 19, Spazi Fotografici presenta Index G, progetto e libro di Piergiorgio Casotti ed Emanuele Brutti. All’incontro su Facebook partecipa anche Fiorenza Pinna, curatrice del volume.

Pubblicato da Skinnerboox nel 2018 e vincitore del Premio Marco Bastianelli nel 2019, Index G nasce dal complesso lavoro realizzato dagli autori a St. Louis, una delle città con maggiori problemi di razzismo negli USA. Il titolo del progetto fa, infatti, riferimento all’indice Gini, misura statistica di disuguaglianza, utilizzata anche per misurare la segregazione residenziale. Segregazione che nel tempo – dicono gli autori – ha cambiato scala. Essa “si è ridotta in alcuni livelli geografici (quartiere-quartiere) aumentando però su altre scale spaziali (da città a periferia o da sobborgo a periferia)”.

Index G: un’opera teatrale del silenzio

Dal testo di presentazione di Index G si legge: “È sulla percezione sottile del fallimento (umano) che questo lavoro si concentra. L’idea di una discontinuità tra sistemi spaziali umani adiacenti. Con l’uso insolito e intrigante di testo / poesia e immagini reali si cerca di sbilanciare lo spettatore spingendolo a percepire un senso di stranezza e anomalia”.

“Come in un dialogo visivo tra Carver e Hopper, questo lavoro si svolge come un’opera teatrale del silenzio, fatta di assenza di personaggi e delle loro storie peculiari, in cui le cose viste e raccontate rimangono non dette e sospese nel tempo, in quel momento specifico di incertezza in bilico tra qualcosa di inafferrabile appena accaduto o la sensazione eccitante che qualcosa accadrà presto. Nulla accade apparentemente, ma la storia si svolge nel silenzio delle vite”.

Il volume unisce fotografie in bianco e nero, a colori e – grazie alla penna di Casotti – parole in sceneggiatura. Una struttura inedita che vuole suscitare un senso di disagio, estraneità, incertezza.

Come partecipare alla presentazione

L’occasione di questa presentazione a cura di Spazi Fotografici nasce anche dalla recente inclusione di Index G nella mostra curata da Paul Graham all’ICP di New York, But Still, It Turns. Recent Photography from the World. Index G sarà inoltre presente alla prossima edizione di Fotografia Europea a Reggio Emilia.

Per seguire la presentazione e fare domande a Casotti, Brutti e Pinna basta collegarsi all’evento Facebook dedicato a questo link.


Latest from LATESTHIGHLIGHTS

0 0,00
Go to Top