Lo scatto remoto è utile in molte situazioni. Abbiamo a disposizione varie possibilità tra cui il tethering e lo smartphone...

24 Febbraio 2022 di Redazione Redazione

Lo scatto remoto può tornarci utile in moltissime situazioni. Ecco quali sono le diverse possibilità e quali vantaggi ci danno.

Scatto remoto: scattare in tethering

Quando lavoriamo in un ambiente come uno studio, anche casalingo, possiamo sfruttare la possibilità di collegare la fotocamera al computer e attivarla in remoto con EOS Utility 3, scaricabile dal sito di Canon.

Il software è comodo per studiare composizione e inquadratura su uno schermo più grande, perché accede al feed Live View. Inoltre, possiamo regolare a distanza parametri come diaframma, tempo e ISO, a seconda della modalità di scatto in uso.

Permette anche di attivare l’anteprima della profondità di campo, funzione molto utile ad esempio in macro. Se poi impostiamo l’obiettivo su AF, possiamo addirittura cambiare la messa a fuoco dal computer, usando i pulsanti di direzione a schermo.

Connettere fotocamera e computer via cavo USB, anziché in Wi-Fi, è meglio sia per risparmiare energia della batteria, sia per trasferire le immagini più velocemente. Per il collegamento possiamo usare anche Lightroom Classic, ma conviene prima controllare il sito di Adobe per essere sicuri che la nostra fotocamera sia supportata.

Lo smartphone e l’app Camera Connect

Se abbiamo una fotocamera dotata di Wi-Fi, non dobbiamo per forza acquistare un comando remoto. Possiamo controllarla in wireless da smartphone o tablet con l’app gratuita Canon Camera Connect.

Le opzioni rese disponibili dall’app dipendono dal modello di fotocamera in uso. Può essere possibile usare una connessione Wi-Fi per visualizzare l’anteprima Live View e regolare una serie di impostazioni dal dispositivo mobile, oppure più semplicemente impostare quest’ultimo come telecomando Bluetooth.

Nel primo caso abbiamo molto più controllo, ma non dimentichiamo che il collegamento Wi-Fi può prosciugare in fretta la batteria. Se ci serve solo un comando remoto, l’opzione Bluetooth è probabilmente più efficiente.

Stabilire la connessione Wi-Fi può richiedere qualche passaggio in più, anche a seconda dei modelli di smartphone e fotocamera. In genere, dobbiamo entrare nel menu Connessione Wi-Fi, selezionare l’opzione Connetti a smartphone e seguire le istruzioni. Poi dobbiamo aprire il menu Wi-Fi del telefono, immettere la password fornita dalla fotocamera e, infine, aprire Camera Connect per cominciare.

scatto remoto

Da sinistra a destra: Configurazione – La schermata di apertura dell’app Camera Connect. Facciamo clic su Guida alla connessione facile per visualizzare le istruzioni e impostare la fotocamera. Live View remoto – Poter regolare a distanza diaframma, tempo di scatto e ISO è molto più pratico che tornare ogni volta al corpo macchina. Bluetooth – Oltre a scattare, possiamo anche avviare e interrompere la registrazione di filmati e controllare la fotocamera durante la riproduzione.

Leggi anche
Scatto remoto: quali sono le possibilità e i vantaggi? #1

Lascia un commento